domenica 29 gennaio 2017

ADDORMENTARSI ADDOSSO

Un fuoco
acceso di scintille
arde sulla pelle.
Mani di ghiaccio
accarezzano brividi
e tu sei Dio di questi attimi
danzando dentro al vulcano
sfidi il suo glaciale furore.
Vento di tempesta
ulula un lupo nella mente
sconvolgendo il ritmo
del suo sferzare l’onda,
e sei la violenza
della luna alla notte
che nega la sua colpa,
nel giorno di sole spento
tremanti steli di follia
scendono a toccare l’infinito.
Sentire solo i cuori
cantare al ritmo di questa danza
amanti ebbri di passione
sconvolgono l’ordine delle note
baciando l’anima
strappando catene
fuggono e ballano le pupille
guardandosi negli sguardi.
Addormentarsi addosso
resta un dono per il mattino.

29/01/2017
diritti di proprietà intellettuale dell'autrice
Fioralba Focardi
immagine presa dal web

martedì 24 gennaio 2017

sabato 21 gennaio 2017

GIOCANDOMI DI SGUARDI



Afferra le mani
e prova a farmi ballare
un duetto cantare
portami in riva al mare.

Sono egocentrica se so che ….

Mi pensi
e se lo fai
sorrido canto ballo
immagino.
È come se tu
fossi sempre al fianco
o sull’altro lato della strada
ridendo osservi
l’allegria che il tuo silente pensare
accompagna le ore….

Tu che sei eco
risuoni rintocco del desiderio
lieve nelle vene
accarezzando la fantasia
sciogliendo ghiacciai
giocandomi di sguardi.

21/01/2017
tutti diritti sono di proprietà intellettuale
dell'autrice
Fioralba Focardi
immagine presa dal web

venerdì 20 gennaio 2017

DIMMI

Dimmi se senti questo silenzio
se hai voglia di finto calore
se poi ti manco
quando ti perdi in clandestini porti.
Dimmi se nei pensieri ti esplodo
portandoti dentro
quel doloroso assenzio
verde torpore dell'assenza.
Dimmi se nelle notti
quando sei solo chiami il mio nome
sul tuo fianco nudo guerriero
e sulle labbra vorresti della vita il miele.
Dimmi se hai freddo stasera
se le mani possono dare calore
o se i ricordi strisciano dentro
la voglia di quei corpi abbracciati
in quel letto disfatto
troppo belli per essere veri.

20/01/2017
tutti i diritti sono di proprietà intellettuale
dell'autrice
Fioralba Focarxi
immagine presa dal web.

mercoledì 18 gennaio 2017

ORA CHE SI MANCANO GLI OCCHI

Un eco dentro l’animo di uomo
racconta di un giorno lontano
sono stralunati bisogni
la ricerca di un corpo
forse
o solo una rosa
da accarezzare.
Sulla punta delle dita
carezze sfuocate
desideri disordinati
ricordi lievi
peccati persi
brividi e sete
bocche avide
assetate di troppi ieri
sfamando domani.
Sottovoce tornano parole
sussurri senza senso
o forse erano arabi pensieri
rincorsi dietro a dune rosse fuoco
deserto dentro l’anima
ora che si mancano gli occhi.

18/01/2017
diritti intellettuali di proprietà dell'autrice Fioralba Focarxi
immagine presa dal web

giovedì 5 gennaio 2017

QUESTI FIGLI

C’è un giardino
dentro i miei sogni
fiori colorati
erba soffice e verde
risate
voci e allegria
e tutti sono felici.

Ma non esiste un mondo cosi.

Una bomba
una mina
un mitra
un agguato
la fame
la sete
il caldo
il freddo
la violenza
i morti.

Esiste un mondo così.

Se parlo di Dio
parlo d’amore
almeno è quello che credo.

Eppure cadono
foglie d’autunno
che non vedranno mai primavera
E sono figli di questi tempi
questi figli
che non sappiamo proteggere
dalla nostra follia
sparpagliata d’egoismo
e ignoranza.
Noi
troppo ricchi
o troppo poveri
e senza cuore.

mercoledì 4 gennaio 2017

IN QUESTA CASA CHIAMATA VITA

Dell’allegria vorrei vendere a poco prezzo
la malinconia
che assale improvvisa
nelle ore disperse,
comprare un mondo diverso
pieno di stelle sulla strada maestra
alberi capovolti sulla mia testa
quando passa il treno sulla strada ferrata
che porta al tuo nido fuori dal mondo.
Vorrei poi prendere a calci le ore
come un pallone su di un campo arato
spighe dai chicchi viola
lavanda gialla di sole
e un sole azzurro a coronare
la notte che splende di giorno.
Dell’allegria
vorrei solo il sorriso
di un uomo una donna
vecchio o bambino
per un mondo che sappia alla fine
comprendere bene che amare
è l’unico modo per poter vivere
in questa casa chiamata vita.

martedì 3 gennaio 2017

DOLCI PAROLE DI FUOCO

Ti concederò
le grazie disperse
bailando
sul tappeto volante
giostra impazzita
gridando alla vita
baila mos stanotte
mi amor.
Argonauti
nel mistero di corpi
stretti legati disegnati
su tele grezze
dorate essenze
e fiori ornamentali
su deserti accaldati.
Mi corazón
piccante sapore
di miele
scioglimi
sciogliti
sulle labbra
dolci parole di fuoco.

lunedì 2 gennaio 2017

NEBBIA


Nella sera
la nebbia avvolge
figure ondeggianti
creando illusorie presenze.

Sfiorare un essenza
senza presenza.

Il suono ovattato
acuisce il dolore
e un canto mistico
assale la gola
si forgia nel pianto
e preme sul petto
la sua mancanza.
Chissà cosa manca
se del vuoto
riempiamo le stanze.

Nebbia
avvolge umidi ricordi
ossequiosamente  riposti
nel sarcofago troppo costoso
che è il cuore.

lunedì 19 dicembre 2016

LA MIA NON REALTÀ

La realtà
scende le scale
signora
troppo imbellettata
senza guêpìere e merletti.
Amo
l’altrui abnegazione alla vanità
troppo seriosa
del finto perbenismo
radical chic.
Ho bisogno
di aria pulita
di urlare la mia allegria
che a volte viene fuori
anche se ho voglia di piangere,
non importa
piangerò più tardi
se
troverò fazzoletti
sgualciti
in una borsa
troppo
troppo
troppo
piena di me.

Fioralba Focardi 19/12/2016
tutti i diritti riservati
immagine presa dal web
registrata prima di pubblicarla su file audio 😊

mercoledì 14 dicembre 2016

TROPPE VOLTE DIMENTICATA

Andamento andante lento
passi sinuosi
nella danza di una donna
senza tempo senza età
Circoncisi sogni
fievoli misteri urlano,
volteggiano
fruscii di sete
sulle gambe
mentre i piedi
pestano il suolo.
Ali senza aria
ricamano sussulti
a chi osserva la sua danza.
Gitana oscura
Zingara senza futuro certo
Strega arsa sul rogo
Eva troppe volte maledetta
Donna
troppe volte dimenticata.

martedì 13 dicembre 2016

SONO ANCORA FIORITE LE ROSE

Ci sono ancora le rose
Fiorite nel freddo dicembre
Nei giardini di Firenze.
Sarà il sole che splende
Nel limpido azzurro
O le mani che curano
A dare loro forza e coraggio
Non ha domanda
Questo mio pensare
Se non risposta dettata dal cuore.
Sono ancora fiorite le rose
Nei giardini di firenze.

Fioralba Focardi 13/12/2016
tutti i diritti riservati
immagine presa dalweb

domenica 11 dicembre 2016

IL VIAGGIO PIÙ BELLO



Volteggiami
danzandomi
dentro l’anima.
Tu che dei silenzi hai fatto magie
incartando sogni
sui passi dei miei passi.
Sei la dolcezza dell’attesa
quando ti posi sulla speranza
regalandoci alchimie
d'alabastri bagliori
in equilibrio sulle stelle
pilotandomi verso il nostro vivere.
Sorrido se ti penso
sogno se ti vivo
e se ho preso quel biglietto
sarà il viaggio più bello
quello che farò
per raggiungere
il tuo respiro.

Fioralba Focardi 11/12/2016
tutti i diritti riservati tratti dalla Poesia Il Viaggio Più Bello
immagine presa dal web

sabato 3 dicembre 2016

DENTRO AL TUO FUOCO



Gli occhi cercano
ciò che non ho trovato
gli occhi,
le mani
nascondono l’orizzonte
le mani,
la bocca 
cela il sorriso
la bocca,
e i denti
mordono labbra
i denti.
Ti prego
se della notte
Io sono la strega
se non ho occhi rossi
o verdi capelli
fammi bruciare lo stesso
dentro al tuo fuoco.
03/12/2016

giovedì 1 dicembre 2016

QUANDO MI SPOGLIO DELLE TROPPE PAURE

Sempre alla ricerca
di cose che non sono nella norma
ma cos'è la norma
se non una romanza
cantata da un usignolo.
Ottieni consensi se ti adegui
e cammini sempre in fila
lungo  binari prestabiliti.
Io sono fuori da ogni schema
preferisco graffiare le mani
piegare le gambe dalla stanchezza
pur di vivere la vita come la sento.
Non voglio nessuno che m'imponga
il suo verbo
vestito
oppure il letto
scegliere mi viene bene
quando mi spoglio dalla troppe paure

Fioralba Focardi 01/12/2016
tutti i diritti riservati
immagine prese dal web

mercoledì 30 novembre 2016

STELLE TROPPO DISTRATTE

Vorrei un abito da sirena
con la coda come un pianoforte
e della mia solitudine
farne melodia.
Di certi giorni ne farei a meno
quando raccogliere foglie
è solo fatica
e  scrivere pensieri l’unica fuga
da ciò che non ha modo di esistere.
Non mi nascondo quando piango
non mi vergogno se ballo ogni tanto
e se grido lo faccio in silenzio
senza badare a stelle troppo distratte.

Fioralba Focardi 30/11/2016
tutti i diritti riservati
immagine presa dal web

martedì 29 novembre 2016

CON LA CERTEZZA DI ESSERE VITA

Come ali di falco
come foglia di un ramo
come piuma nell’onda
lasciarsi trasportare
da aria vento mare,
basta galleggiare
in questa vita
con la voglia di voler vivere
gustando la libertà
di essere sempre
ciò che vuoi essere.
C’è tanta forza nel sole
c’è tanto colore nel bosco
e tante particelle di sale nella sabbia
e nella speranza
c’è la violenza di questa mia anima
che ha voglia di esplodere
con la certezza di essere vita.

Fioralba Focardi 29/11/2016
tutti i diritti riservati
immagine presa dal web

lunedì 28 novembre 2016

CADONO STELLE SUI SENTIERI DEL NIENTE

Di quanti passi posso contare il rumore
di quanto rumore posso ascoltare i passi
se nella mia penombra sciolgo vestiti
e nodi di funi intorno alla carne.
Ogni uomo ha un destino a quanto pare
e ogni donna una croce da indossare
quando porta la gonna e nasconde
una giarrettiera nel cuore.
Ci sono Donne che hanno coraggio
ed altre che si nascondono dietro un miraggio
e masticando sale e sangue vanno avanti
ingoiando malinconia e solitudine
lungo le ore di una notte infinita.
Ci sono Uomini che sanno ascoltare
ed altri che sanno solo usare
allora cadono stelle sui sentieri del niente.

Fioralba Focardi 28/112016
tutti i diritti riservati
immagine presa dal web

#fioralbafocardi #poesia #poetryinstagram #poetry #poetryofinstagram #poetrycommunity #stelle #sentieri #rumore #passi #vestiti #uomo #donna #giarrettiera  #cuore #notte

domenica 27 novembre 2016

NELL'ALBA

È un alba fredda.
Posso osservarecolorare
tra i tronchi addormentati
lo sbadigliare
dei raggi tiepidi
e nello spazio
che lasciano intravedere
la luce rosea dei sogni
che se ne vanno
portando con sé le stelle.
E se cade la neve sul mondo
non è solo ghiaccio sai
ma il desiderio di due amanti
quando raggiunto l’infinito
restano a guardare
volteggiarei sospiri
intrappolati nell’anima.

Fioralba Focardi 28/11/2016
tutti i diritti riservati
immagine presa dal web

sabato 26 novembre 2016

DI QUESTA CANZONE È DELLA MIA FOLLIA

Dammi un cielo dove vivere
un prato dove sognare
un mare dove volare
e la sabbia per remare.

Delle farfalle voglio i colori
delle lucciole la loro luce
delle sirene la loro voce
e  delle fate il loro sorriso.
Quando poi sorge il sole
voglio immergermi nella sua notte
dell’aurora prenderne la timidezza
e della luna voglio il calore.
Mangiare fette di nuvole
fare l’amore insieme alle stelle
indossare more e viole
distesa su di un letto di muschio e paglia.
Di questa follia voglio farne canzone
muovendo le gambe al ritmo di musica
che  si trasforma in una danza
dentro le vene,
sapone di fuoco sulla pelle
appena bagnata dalla rugiada.
Di questa mia follia
voglio riempire cappelli di sogni
cantando ad una fermata di strada
scendendo dal treno di una stazione
o prendendo un aereo per un posto lontano.
Ascoltare un violinoche stridulo risponde ad un grillo
che fa l’amore nell’erba di un antico  novembre.

Di questa canzone
e della mia follia
voglio bere
finché avrò sete
perché vivere ha la sua bellezza
come la vita che prende alla gola
e fa cantare canzoni d’amore.

Fioralba  Focardi 26/11/2016
tutti  diritto riservati
immagine presa dal web

Post più popolari